WTI in consolidamento ribassista intorno a $ 56,50, EIA in primo piano

Nella sua ultima Prospettiva energetica a breve termine, pubblicata martedì, la VIA ha affermato che l’effetto delle interruzioni delle forniture sulla costa del Golfo durerà per un po ‘, il che aumenterà l’incertezza sui prezzi del petrolio e del gas nelle prossime settimane. La VIA ha affermato che le previsioni ridotte sono dovute in gran parte a un aumento della crescita prevista della produzione di petrolio greggio non OPEC nel 2016, con un’incertezza ancora maggiore aggiunta dal potenziale di ripresa della produzione iraniana sul mercato. L’EIA ha riportato una build più grande del previsto negli inventari del petrolio grezzo. Aggiungendo più carburante al rally, l’EIA ha riferito più tardi mercoledì un enorme pareggio di scorte di benzina.

Il petrolio greggio ha funzionato in un altro numero bearish mercoledì. È in una tendenza rialzista a lungo termine, senza dubbio a riguardo. Dopo aver sbattuto la testa sopra il livello $ 50 per la prima volta da maggio, il West Texas Crude Oil (WTI) sta facendo marcia indietro.

Se stai scambiando petrolio, fermati e leva il controllo! Nel complesso, il petrolio greggio ha iniziato una corsa ribassista aggressiva rispetto alla settimana precedente, tuttavia, il prezzo è riuscito a mantenere il trend ascendente che si è sviluppato dall’8 febbraio. In tal caso, potrebbe tornare alle aree di supporto vicine o tutte la discesa verso l’area di interesse del canale centrale intorno a $ 50-52 al barile. Mercoledì il benchmark statunitense e intermedio del West Texas Il petrolio greggio Brent ha messo in onda un malvagio commercio bilaterale con gli investitori che hanno reagito a un rapporto del governo a sorpresa.

Ogni rapporto era drammaticamente diverso dalle aspettative di consenso. Il rapporto misto combinato con il mercato tecnicamente di ipercomprato può fornire agli investitori una scusa per prendere profitti e rientrare a livelli di prezzo più favorevoli. Martedì, il rapporto mensile sul mercato petrolifero dell’OPEC ha mostrato che la produzione all’interno del cartello è scesa per la prima volta in quattro mesi.

Una disaggregazione al di sotto potrebbe essere il primo segnale sicuro che il prezzo continuerà a crollare più in basso nel canale in caduta tracciato sul grafico. Il prezzo si è inoltre indebolito grazie a un canale di prezzo correttivo dal picco del 21 agosto. Prezzi delle materie prime JoC ECRI BBG Metalli industriali ETF I prezzi delle materie prime, misurati dall’ECRI, rimangono prossimi al loro recente minimo recente.

Prezzi del petrolio e utilizzo Il prezzo del gas ha toccato il fondo 12 settimane fa. Mentre i prezzi del petrolio e del gas sono aumentati, entrambi rimangono positivi, così come l’utilizzo di gas. I prezzi del petrolio sono stati spinti più in alto nonostante la continua crescita degli inventari globali, che ha aggiunto 2 MMBOPD per il terzo mese consecutivo. I prezzi del petrolio greggio sono scambiati al ribasso nella sessione di trading degli Stati Uniti nel tardo pomeriggio, mentre il contratto Brent del mese prima è entrato a Contango nel 18 luglio, dove è scambiato in ribasso rispetto al contratto del 18 agosto per la prima volta da settembre 2017. Al contrario, potrebbe rimanere all’interno dell’intervallo esteso di consolidamento mentre i supporti pivotali sono in attesa. Negli ultimi 6 mesi, il prezzo del mese anteriore dei future sul petrolio West Texas Intermediate è stato spinto verso l’alto rispetto ai mesi successivi, portando ad una maggiore arretratezza della curva dei future del WTI.